L'impatto in Occidente

    Rappresentazione in rilievo della Battaglia da Giacomo Serpotta al Oratorio del Rosario in Santa Cita“White founts falling in the courts of the sun,
And the Soldan of Byzantium is smiling as they run;
There is laughter like the fountains in that face of all men feared,
It stirs the forest darknesss, the darkness of his beard,
It curls the blood-red crescent, the crescent of his lips,
For the inmost sea of all the earth is shaken with his ships,
They have dared the white republics up the capes of Italy,
They have dashed the Adriatic round the Lion of the Sea,
And the Pope has cast his arms abroad for agony and loss,
And called the kings of Christendom for swords about the Cross,
The cold queen of England uis looking in the glass;
The shadow of the Valois is yawning at the Mass;
From evening isles fantastical rings faint the Spanish gun,
And the Lord upon the Golden Horn is laughing in the sun.”

G.K. Chesterton, Lepanto                                  

Malgrado di suo risulatate fugaci, la battaglia di Lepanto ha acquiso un carattere simbolico enormo. I stati occidentale, anche lei che non participavano, hanno interpretato (e interpretono già) la battaglia di Lepanto come la vittoria decisiva di Cristianesimo verso l'Islam. Decine di pinture ispirati dalla battaglia sono stato creati immediatamente dopo anche nelle secoli successivi. Parecchi hanno un simbolismo escatologico intenso. Πάολο Βερονέζε, Η Ναυμαχία της Ναυπάκτου La Biblioteca Nazionale di Barcelona nella Spagna priserva una serie di stampe dove la battaglia e lo scieramento delle nave in momenti differente della sua realizzazione si rappresentano con realismo. Una rappresentazione simile ma più idealizzata si priserva nello Museo Storico Navale di Madrid, dove si enfatizza il ruolo della artiglieria.  Queste stampe e opere di pintura, come d' altri che si trovano in Musei di Germania, nella Biblioteca Nazionale di Madrid anche nel Museo Nazionale Maritimo di Greenwhich in Ingleterra, presentono una vista idealizzata delle flotte, in simmetria totale, come si furono delle piante sulla carta e non delle imagine di una battaglia reale. Invece allo carattero drammatico dello conflitto focalizzano pinture come questa da Andrea Vicentino nel Palazzo Ducale di Venezia e una pintura della scuola italiana del fino del XVI da un pittore anonimo. La vista che la vittoria della Lega Santa era il risultato della Providenza Divina si riflessa sul'affresco da Giorgio Vasari nella galleria reale di Vaticano e naturalmente nella pintura superba da Paolo Veronese, dove la metà superiore si occupa della pregghiera della Venezia personificata verso la Madonna con un coro di santi e angeli. Il simbolismo della vittoria è presente nelle altre pintore di carattere allegorico con personificazione di Venezia, Spagna e “lo Male”, cioe gli Ottomani. Una pintura tipica di questa sorta è “Il sogno di Filippe II” da El Greco.
   Un ritratto da L. Baldi, rappresentante il sogno di Papa Pio V per la vittoria della Lega Santa (1673) (Collegio Ghislieri, Pavia)  A parte l'arte figurative però, la battaglia di Lepanto offro ispirazione anche alla letteratura. Pregghiere e oratoria sonno scritti per glorficare il trionfo del Cristianesimo, il re di Ingleterra Giacomo VI e I ha scritto in 1585 il suo poema migliore per Lepanto e il poeta G.K. Chesterton troveva l'evento affascinancte anche nel inizio del XX, e scrivò il suo poema miravigliosa sotto questo titolo.
Sebbene ogni forza si presenta di cogliere I frutti della vittoria per se stessa, una cosa visibile anche nel arte seguente l'origine del ordinante), è giusto di dire che la ragione perchè la battaglia di Lepanto fu una si grande fonte di ispirazione è che fu il risultato della coalizione delle forze Europee per la difesa delle loro valore culturale comune.
Regione di Grecia Occidentale
ESPA logo
Progetto co-finanziato dall'Unione Europea - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
ESPA logo