Topografia di Lepanto
       Lepanto     Il fiume Morno, limito di Nafpaktia ad Est Lepanto è una città portuale che si trova 10 km ad Ovest dell'Antirio, allo sbocco del golfo di Corinto. L'abitato odierno, costruito su fasi edilizie più antiche, si estende ai piedi di una collina, ed il suo piccolo ma ben fortificato golfo, costituì un importante porto nei diversi periodi storici. Lepanto fa parte della regione Etoloacarnania ed in base al censimento del 2011 conta 31.594 abitanti. Il motivo della fondazione della città è fortemente legato alla sua posizione geografica, un punto cardine per la comunicazione marittima tra il Peloponneso e la Grecia Centrale e di controllo rispetto all'entrata occidentale al golfo di Corinto. L'ampia regione di Lepanto (detta pure Naupactia) si delimita ad Ovest con gli invalicabili monti Varassova e Tafiasso (detti Paliovouna) e ad Est con i monti Cravara.
I fiumi Eveno ad Ovest e Morno ad Est costituiscono passaggi naturali verso l'entroterra della Grecia Centrale. Sentieri antichi che attraversavano i monti e le valli dei fiumi assicurarono la comunicazione della città di Lepanto con il resto della regione Etoloacarnania, e con la Tessalia e la Focide. Di maggior importanza comunque fu il privilegiato rapporto con il mare che garantiva il collegamento con il Peloponneso, le isole Ionie e, di conseguenza, con l'Italia ed il Mediterraneo occidentale. Infatti l'etimologia stessa del nome Lepanto (in greco Naupactos), costituito dalle parole naus (nave) e pegnymi (costruire), si riferisce ad un evento relativo alla prima migrazione delle tribù doriche nel XII secolo a.C., ovvero al loro tentativo di accedere al Peloponneso via mare, fatto che conferma l'importante ruolo di Lepanto nella regione.
Regione di Grecia Occidentale
ESPA logo
Progetto co-finanziato dall'Unione Europea - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
ESPA logo