La chiesa di Panaghia Panaxiotissa
Panaghia Panaxiotissa La chiesa bizantina dell'Assunzione di Panaghia Panaxiotissa si trova in una località idilliaca, tra alberi di oliva e pini, a 2km a Nord del lago Gavrolimni (nel comune di Chalkeia), sulla vecchia strada che legava Gavrolimni a Lepanto. Nei pressi della chiesa vi è una locanda (detta Chani), da cui deriva il nome del vicino paese di “Chania Gavrolimnis”. Il nome della chiesa, che non ha eguali nel mondo ecclesiastico ortodosso, probabilmente significa «colei che è degna di tutto». Il monumento, secondo la maggior parte degli studiosi, si data alla seconda metà del X secolo d.C..
    La cupola Architettura
La chiesa appartiene alla categoria delle «chiese greche della età di transizione», con pianta a croce greca inscritta in un quadrato (anche detta pianta cruciforme) dotata di cupola (trullo). Sul lato Est vi sono tre absidi con copertura a volta a sul lato Ovest è presente il nartece. I tre accessi, uno per ogni lato del nartece, danno all'ambiente interno. Al centro del soffitto vi è la volta a crociera sopra la quale poggia la cupola, mentre le volte a botte laterali terminano con frontoni. Il soffitto degli spazi angolari della struttura è più basso. All'interno della chiesa sono presenti un gran numero di absidi. Come materiali da costruzione furono utilizzate pietre calcaree, malta e mattoni in posa singola, doppia o multipla, sovvraposti orizzontalmente oppure disposti a merlo, ecc.. L'elegante cupola, opera di grandi maestri, fu costruita esclusivamente con mattoni e appare esemplare per l'armonia dei motivi decorativi ceramoplastici (merlo che circonda le finestre, fregio decorato con motivo a rombi, ecc.). L'interno della chiesa, che durante il periodo bizantino era decorato con degli affreschi, conserva di questi solo la rappresentazione di San Constantino (il Grande) e Sant'Elena.
Ogni anno la chiesa ospita molti visitatori che assistono alla Divina Liturgia che si svolge il secondo giorno di Pasqua. Durante la festa che segue la funzione, agli ospiti vengono offerte deliziose pietanze e vi sono danze popolari.
Regione di Grecia Occidentale
ESPA logo
Progetto co-finanziato dall'Unione Europea - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
ESPA logo